Scrivere buone battute: i consigli di Daniele Luttazzi

Pubblicato: 21 novembre 2012 in Pensieri sparsi
Tag:, , ,
Luttazzi

 

La mia casella di posta elettronica è intasata dalle mail delle mie fan: lo 0,1% di loro vorrebbe dei consigli per scrivere delle buone battute; il 99,9%, invece, mi chiede se è giusto avere riserve etiche nel limonare con un labrador. A quest’ultime consiglio di leggere “L’osso d’autunno”, pluripremiato trattato filosofico sull’eros canino, scritto da un parcheggiatore abusivo dell’Ohio. Alle prime può essere utile la “Preparazione H” di Daniele Luttazzi, un insieme di consigli che il famoso comico aveva messo insieme per gli allievi della sua palestra. Buona lettura.

Preparazione H e cinti erniari per principianti

Il vostro sforzo è stato notevole e adesso molti di voi manifestano emorroidi classiche ed ernie smaniose, contro cui è meglio premunirsi.

1) La battuta deve essere una sorpresa rispetto alla premessa. Se la sorpresa è poca, la battuta è debole debole. ( Es: “Svolta nei Simpson. Per la prima volta Maggie parla. E rivela di aver avuto una relazione con Berlusconi.”) Ma la sorpresa non deve essere campata per aria, sennò la battuta non funziona lo stesso. ( Es: Giro D’Italia: “Sono pronto per vincere!” ha dichiarato il testicolo destro di Armstrong. ) Il difficile è proprio l’equilibrio. A questo serve la palestra.

2) Lasciate perdere i giochi di parole. Innanzitutto, perché sono la prima cosa che viene in mente a tutti. Quindi dov’è la sorpresa? Solo ieri ho ricevuto 48 esempi di questa battuta: “L’ex terrorista Battisti rompe il silenzio: Mogol gli scrive il testo.” In secondo luogo, perché i giochi di parole sono tipici dei pedanti che vogliono sfoggiare il proprio acume. Per questo irritano. Un comico bravo gioca con le idee. Infine, perché i giochi di parole originali richiedono esperienza. Lo stesso vale per le meta-battute (le battute sul fare battute). Avete appena cominciato a sollevare manubri da 1 kg; inoltre il vostro coefficiente Sinclair è basso: non siete pronti per sollevare a strappo bilancieri da 3 quintali. Vi fate male.

3) Come nella moda, anche nelle battute esiste uno stile legato all’epoca. Me ne arrivano molte direttamente dagli anni 50. (Es: Il Parla&Mento approva due mozioni che stabiliscono più fondi per le scuole private, dal titolo “La scuola pubblica deve essere privata…di tutto”.) Ricordate sempre che siamo nel 2009 e nel frattempo sono già arrivati Woody Allen, Bill Hicks, i Monthy Python, Eddie Izzard, Francesco Salvi, Bergonzoni e Maurizio Milani con gli sci di ultimo tipo.

4) Soprattutto, asciugate il più possibile. Togliete le parole superflue: a parità di contenuto, è migliore la battuta con meno parole. Se però dovete scegliere fra brevità e ritmo, privilegiate il ritmo.

5) Una bella battuta contiene un’idea, non un luogo comune. E l’idea deve avere un fondo di verità, altrimenti la battuta è fasulla. (Es: “SMS troppo costosi per l’Antitrust che passa a Vodafone.” Ma l’Antitrust ha multato sia Tim che Vodafone per gli SMS troppo costosi. ) (Altro esempio no: “El Pais pubblica le foto scattate a Villa Certosa. Delusione tra i lettori: sembra di vedere un porno giapponese, c’è gente che fa sesso e i genitali sono oscurati.” Ma in quelle foto nessuno fa sesso. La base della battuta satirica dev’essere vera, sennò è barare: sono capaci tutti. ) La satira deve portare alla luce contraddizioni vere (di fatto e/o psicologiche). La contraddizione falsa non fa ridere. (Es: “Brunetta vieta internet in ufficio. Dà l’annuncio durante l’orario di lavoro via twitter.” ) Per scrivere satira occorre essere informati. Chi vi ha detto che è facile?

6) Una battuta satirica allude a un fatto, ma non funziona se il riferimento è per specialisti e devi spiegarlo. (Es: Il Papa a Betlemme: “Uno Stato per i palestinesi, il Madagascar“. Il riferimento è ad Adolf Eichmann e al finto piano nazista di trasferire gli ebrei tedeschi in Madagascar: un falso che nascondeva l’intenzione vera di sterminare tutti gli ebrei. ) (Altro esempio: “Giovane si addormenta con il cellulare umts collegato a internet. Dilapidato il credito. Si giustifica così: almeno posso sognare in modo fluido.”)

7) Gli autori satirici vengono spesso querelati per diffamazione dal potente di turno. Evitate accuse assurde che non potete provare in alcun modo. (Es: La rivelazione di Marzotto: “Naomi mi picchiava”. Naomi: “Dovevo farlo, bastava che lo lasciassi solo un minuto e se la finiva tutta lui.“)

8 ) Niente battute fascistoidi e niente battute razziste. (Ieri qualcuno ha inviato questa:”E’ arrivato in Europa uno dei videogame più discussi nel quale vince chi effettua più stupri. Il joystick sarà a forma di rumeno.” Scivoloni che succedono, quando papà è abbonato a la Padania.) Attenti inoltre alle implicazioni. (Es: “Stupri nei videogame. Monito del Santo Padre: pixel sono già piccole creature.” Questa battuta si schiera contro il papa, ma indirettamente giustifica i videogame con stupri!)

9) A volte la cosa più sorprendente è quella che nessuno vede perchè è sotto gli occhi di tutti. Lavorateci su. Inviate la vostra battuta migliore. Se non convince voi, come potete sperare che convinca me? Mica sono il supplente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...