Tredicenne in coma ascolta i Modà e muore (dal Lercio)

Pubblicato: 4 maggio 2013 in Lercio
Tag:

Lucio Carrozzella è morto stamani all’ospedale Bambin Gesù di Roma all’età di 13 anni. Il ragazzo era in coma dallo scorso 29 novembre, giorno in cui venne travolto da un autotreno mentre era in camera sua a fare i compiti.

Il decesso è arrivato in maniera del tutto inattesa: nei giorni scorsi, infatti, Lucio aveva dato degli evidenti segnali di miglioramento che lasciavano presagire un epilogo positivo della vicenda. La situazione, però, è precipitata nel giro di qualche ora. Rosalìa Capodanno, infermiera originaria di Torre del Greco, avrebbe dimenticato accanto al letto del ragazzo il cellulare sul quale era stata impostata come suoneria la canzone “Se si potesse non morire” dei Modà. Durante l’assenza dell’infermiera, il cellulare avrebbe squillato una dozzina di volte, riproponendo a più riprese il motivetto della band. Il giovane non avrebbe retto alla strazio e avrebbe ceduto dopo le prime due strofe. Giunto in sala per i controlli di routine, il primario non ha potuto far altro che constatare il decesso.

La procura di Roma ha iscritto Rosalìa Capodanno nel registro degli indagati: per lei l’accusa è di omicidio volontario con l’aggravante del terrorismo internazionale.

FONTE: LERCIO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...