Che vuoi farci? È il PD (dal Vernacoliere di febbraio)

Pubblicato: 9 marzo 2014 in Vernacoliere
Tag:, , ,

Vernacoliere copertina febbraio

Quando ho sentito che Renzi avrebbe incontrato Berlusconi per parlare della legge elettorale ero entusiasta. Pensavo: ma che grande Renzi, lo fa andare lì con la scusa della legge elettorale, poi gli rovescia addosso 10 secchiate di piscio e gli dà del bischero. Che grande, Matteo. Ridevo e immaginavo i titoli cubitali dei giornali: “Renzi invita Berlusconi al Nazareno e gli dà del bischero”, “Berlusconi va da Renzi per discutere la legge elettorale e ne esce fradicio di piscio”, “Secchiate di piscio su Berlusconi, che ne esce più pulito di prima”.

E come facevo a non ridere? Renzi, il giovane Renzi, era quello che Berlusconi voleva rottamarlo. Era quello che su Twitter scriveva così:

Berlusconi sa che se vinciamo noi, lui è il 1′ rottamato. Normale dunque che faccia il tifo per Bersani o Vendola.Ma noi vinciamo lo stesso (16 settembre 2012)

Per un partito come il mio sarà un grande giorno quando riuscirà a far capire che Berlusconi va mandato in pensione #oltrelarottamazione (21 maggio 2013)

Finito il teatrino di Berlusconi, il Governo ha l’occasione di voltare pagina, finalmente. Non la sprechi! #enews (3 ottobre 2013)

Poi, a quanto pare, il giovane fiorentino ha contratto una malattia neurologica che gli addetti ai lavori chiamano in gergo tecnico “sono stato eletto segretario del PD e voglio fare il premier” e di colpo ha dimenticato i buoni propositi. Non entriamo nel merito di quanto si sono detti, ma atteniamoci alla forma: il segretario del PD ha parlato di legge elettorale con un pregiudicato. E lo anche invitato a casa sua. “Prego, si accomodi Cavaliere, le troie le prende con o senza zucchero?”.

Ora la domanda è soltanto una: ma se Berlusconi era da rottamare solo un anno fa, perché ora che è stato condannato in via definitiva a 4 anni di reclusione per frode fiscale e che è decaduto da senatore è diventato un interlocutore credibile? E la risposta, come al solito, è una sola: che vuoi farci? È il PD.

Annunci
commenti
  1. attikus ha detto:

    e questo è uno dei motivi per cui renzino “dura minga… el dura no… non puè durare…….” Ed io sono seduto, paziente, in riva al fiume e aspetto che passi……….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...